lanera.com

Castel del Monte

Technologia delle Volte a Crociera
(File 172-120)


Pagina 5

        Archi di Supporto (Costoloni) e la Volta a Crociera

L'architettura gotica, conosciuta principalmente per le sue forme ogivali e costoloni agli spigoli delle volte a crociera, era più di uno sviluppo stilistico; è stato un importante miglioramento tecnologico rispetto alla tecnologia dell'arco romano nella costruzione di volte a crociera. Partendo dalle realizzazioni romaniche delle volte a botte con archi di supporto, gli architetti medievali trasferirono il concetto di armature fatte di archi di supporto alla costruzione delle volte a crociera, un passo evolutivo naturale.

Archi di supporto circolari sono molto più facili da costruire per una serie di motivi. I conci hanno meno superficie, sono di forme molto più semplici, e le fasce ad arco circolare hanno una curvatura uniforme. Questo risulta quindi in conci di identica sezione trasversale e curvatura. I conci dell'arco di supporto possono essere scalpellati nella loro forma finale alle cave dove tutto ciò che viene richiesto è la dimensione trasversale del concio e il raggio dell'arco; una sagoma in legno a forma dell'arco può servire come guida. Il risultato è un approccio di costruzione più semplice e meno laborioso avendo simplificato il compito di scalpellare i conci dell'arco; conci che sono simili e intercambiabili lungo l'arco.

L'utilizzo di questi archi di supporto agli spigoli della volta a crociera presenta un approccio più semplice e rapido per innalzare la volta a crociera, avendo simplificato la lavorazione dei conci che servono per questi archi. Due tali archi di supporto, posizionate in modo da intersecarsi ad angolo retto, danno forma agli spigoli della volta a crociera, diventado poi i costoli. Costruiti per prima e tenuti in posizione centrata da imapalcature di legno, questi snelli archi in pietra servono come fondaszione (supporto) per i pannelli a spichio costruiti su di essi nel completare la volta a crociera. In tal senso, questi archi servono da permanente strutture formative portanti, in contrasto con the impalcature di legno che vengono rimosse alla fine della costruzione.

Fangari fornisce una rappresentazione grafica dell'erezione di questi archi lungo le diagonali della volta a crociera, mostrando le impalcature di legno usate per centrare gli archi, ed includendo pure archi trasversali che completano la strutura portante in pietra alla periferia della volta a crociera, Fig. 13.


Figure 13.  Arch bands built first and serving as foundations for the vault webs – Fangari.

Fig. 13. Archi portanti costruiti per primi e che servono da fondamenta per erigere
i pannelli a spicchio su di essi - Fangari (2010, 14, figura 15).

[Torna indietro}


Questo approccio semplificava e modularizzava la costruzione delle volte a crociera, eliminando la necessità di conci di spigolo che erano laboriosi e difficili da scalpellare, risolvendo così la difficoltà che limitava l'uso delle volte a crociera come prima elaborata dai Romani.